2009-02-08

THE BOAT THAT ROCKED - THE TRAILER

Xternal-01XnQc3lO4JDs&hl=it&fs=1

Un film fortemente inneggiante alla buona musica e con essa alla contestazione degli anni ‘60 The Boat That Rocked per la regia di Richard Curtis con Rhys Ifans, Nick Frost, Bill Nighy, Philip Seymour Hoffman, Emma Thompson, Kenneth Branagh, Gemma Arterton, January Jones, Jack Davenport, Talulah Riley che verrà distribuito in Italia a partire dal 5 giugno 2009.

Siamo nel 1966. Le Radio della Gran Bretagna tengono in pugno con le loro trasmissioni più di 25 milioni di persone. In piena effervescenza della movida rock, le radio tradizionali preferiscono seguire la programmazione del jazz e la musica lounge come preferenza popolare. In questo panorama piuttosto classico cominciano ad apparire emittenti clandestine che con la propria ironia e contestazione conquisteranno il pubblico spezzando il clima perbenista e piuttosto consueto.

L’ultimo film del re della commedia britannica Richard Curtis intitolato The Boat That Rocked, si concentra sulla storia di questo gruppo di Disc Jockey che tra droghe, sesso e rock ‘n’ roll darà un colpo davvero forte alla cultura britannica. Un argomento, quello di Curtis, che in ogni modo risulta ancora poco trattato dal cinema inglese, con un umorismo che di certo conquisterà gli amanti della commedia e i rockettari più convinti.

Recensione tratta dal sito:

http://www.vivacinema.it/articolo/the-boat-that-rocked-trailer-e-locandine/6101/

Per gli appassionati di radioascolto impossibile invece non pensare all'esperienza di Radio Caroline, che nella seconda metà degli anni 60 fu una delle radio offshore più famose ed ascoltate in Europa. L'emittente nel film si chiama genericamente "Radio rock" , ma dai contenuti, dalle ambientazioni e dal contesto , il riferimento a Radio Caroline appare evidente. Si tratta di una "operazione nostalgia" su un argomento che non era mai stato affrontato prima da una produzione cinematografica destinata al grande pubblico e viste le premesse c'è da scommettere che avremo una vera e propria ondata di offshore - mania nei prossimi mesi.

No comments: