2015-04-22

QSL CARD FROM FT4TA DXPEDITION TO TROMELIN ISLAND






Dopo diversi mesi è arrivata questa mattina la QSL di FT4TA spaedizione DX francese presso l'Isola di Tromelin, possedimento francese d'oltremare al largo del Madagascar, Oceano indiano. La referenza IOTA è AF051. QSL mamager F1NGP, Yann. Bello anche il foglio filatelico che commemora l'evento con il quale è stata affrancata la busta di risposta.

QSL card and philatelic envelope from FT4TA french DXpedition to Tromelin Island IOTA AF051. QSL manger F1NGP, Yann.

2015-04-21

1944 - 45 RADIO LIBERTA' L'EMITTENTE PARTIGIANA DI BIELLA

una lapide ricorda Radio Libertà 
La presenza di Radio Libertà, nella storia della Resistenza biellese, rappresenta senza dubbio un momento importante, anche se breve. L'aver pensato ad una emittente radiofonica clandestina durante il periodo partigiano è stata di per se stessa intuizione significativa, sia per le difficoltà organizzative connesse con la sua installazione in piena zona operativa, sia per il modo innovativo di concepire la propaganda che l'uso della radio comportava. 
L'enfasi data all'ascolto radiofonico dal regime fascista e l'impressione provocata dalle trasmissioni di Radio Londra ne avranno certo influenzato la nascita. Così come un peso ha certamente avuto la presenza, a Biella, di Radio Baita. Ma la fantasia di sfruttare simili e diversi stimoli realizzando un'emittente radiofonica in piena regola è stata senza dubbio gesto di grande modernità. 
Ricostruire la storia di Radio Libertà è impresa non facile. La sua originalità e unicità ne fanno argomento di grande interesse, tuttavia poche sono le informazioni certe di cui si dispone. Quelle che seguono sono solo alcune prime considerazioni sulla "storia" di Radio Libertà: più un annuncio di ricerca che una sintesi di quanto si conosce. 
I primi tentativi di creare Radio Libertà sono dell'estate 1944: al Comando zona era giunto in quel periodo, pare grazie alla collaborazione del conte Filippo Maria Trossi, un apparecchio radiotrasmittente proveniente dall'aeroporto di Cameri. Ad occuparsene fu Sandro Berruto (Sam), un chimico farmacista, liberale, inquadrato nella 2a brigata "Garibaldi", con la collaborazione di Giovanni Passaglia (Gamma), un panettiere di Miagliano, Luigi Galleis (Gibo), un ferroviere di Biella, e Alfio Re (Grifo), un filatore pure di Miagliano. Dopo mesi di prove, installato l'apparecchio a Case Trabbia di Callabiana, il 14 dicembre riuscì a mettere in onda la prima trasmissione. 
Sam era il compilatore dei programmi, Gibo lo speaker, Grifo il chitarrista, Gamma il tecnico. Le trasmissioni proseguirono, sia pure con difficoltà, per alcune sere, fino ai primi di gennaio, quando, per ragioni di sicurezza, furono interrotte a causa di un rastrellamento4. Ripresero alcune settimane più tardi da Sala Biellese. Qui furono "apportate alcune modifiche all'apparecchio e furono maggiormente curati i programmi. Alla chitarra iniziale venne aggiunta un'altra chitarra, una fisarmonica e una mandola e un coro. Il garibaldino Scat, maestro di musica, ne curò tutta la parte musicale. Si aggiunse un redattore: il garibaldino Lionello. Musica e coro: Scat, Pala, Fodretta, Athos, Gegi, Evaso, Pensiero" e altri. 
La radio trasmise fino a pochi giorni prima della Liberazione: i fascisti riuscirono infatti a metterla a tacere solo nel corso dell'ultima offensiva, scatenata il 19 aprile. 
Il 26 aprile lo staff di Radio Libertà riuscì "a mettere le mani addosso a Radio Baita distrutta dai fascisti prima della fuga e in mezza giornata con l'aiuto di due tecnici di Biella ri[uscirono] a rimontarla": le trasmissioni proseguirono quindi per alcuni giorni. 
I testi delle trasmissioni, oltre duecento pagine dattiloscritte, rappresentano un riferimento fondamentale per la ricostruzione dell'attività, della storia della radio. 
Radio Libertà trasmetteva inizialmente sulle lunghezze d'onda di 42,5 e di 21,5 metri e successivamente solo sulla lunghezza di metri 21. Le trasmissioni, della durata di circa mezz'ora, iniziavano alle 21.30; dal 15 aprile l'inizio fu anticipato di mezz'ora. 
Il segnale della stazione era dato dalle prime prime dieci note di "Fischia il vento", eseguite alla chitarra, seguite dalla voce dell'annunciatore: "Radio Libertà, libera voce dei volontari della libertà". 
Durante le prime trasmissioni, all'annuncio veniva aggiunta una precisazione: "Non abbiano dubbi coloro che ci ascoltano, siamo partigiani, veri partigiani. Lo dice la nostra bandiera: Italia e libertà. Lo dice il nostro grido di battaglia: 'Fuori i tedeschi, fuori i traditori fascisti'. Ecco chi siamo: null'altro che veri italiani. Le nostre parole giungeranno, valicando pianure e montagne, a tutti i compagni patrioti della Liguria, della Toscana, del Piemonte, della Lombardia, dell'Emilia, del Veneto, a tutti coloro che combattono per la nostra stessa causa. Viva l'Italia! Viva la libertà!". 
Le trasmissioni comprendevano una gamma abbastanza differenziata di testi, prevedendo ogni sera: editoriali su argomenti vari, bollettini di guerra partigiani, notizie su avvenimenti locali e nazionali di rilievo, lettere di partigiani o familiari, saluti a partigiani o familiari, brani musicali e, talvolta, comunicati dei comandi partigiani o del Cln e persino poesie. 
I comunicati del Cln e dei comandi partigiani erano spesso generici, ma, a volte, le indicazioni si facevano più precise negli obiettivi e nella formulazione. Tra questi, il più famoso, quasi mitico per l'enfasi con cui è trattato da molte delle fonti su Radio Libertà, è quello relativo all'invito allo sciopero generale in seguito all'eccidio di Salussola, nel marzo 1945: "Biellesi! Un nuovo crimine di inaudita violenza è stato commesso in questi giorni dai nazifascisti: venti partigiani sono stati barbaramente massacrati a Salussola! [...] Operai! lavoratori tutti! Scioperate! Sia questa, oggi, la vostra vibrante e solidale protesta contro chi vi insulta e travolge nel bestiale furore ogni più elementare diritto di umanità e di giustizia!". 
Radio Libertà trasmetteva poi notizie riguardanti fatti che potevano confermare i successi dell'azione dei partigiani, sottolineando il consenso e la partecipazione anche civile alla guerra: "Nei primi quattro giorni di questa settimana nelle diverse formazioni partigiane biellesi, si sono presentati complessivamente sessantun militari appartenenti a diverse formazioni nemiche". 
Fra le notizie compaiono talvolta alcune "Scenette quasi dal vero", che mettono in ridicolo, in modi vari, fascisti e tedeschi. 
Importanza via via crescente assumono, nelle trasmissioni, le lettere e i riferimenti ad esse. Si legge nel testo di una delle prime: "Scriveteci: le vostre lettere presto o tardi ci giungeranno: siamo collegati con tutte le formazioni partigiane. Inviate la vostra corrispondenza in qualche zona partigiana e di qui le vostre lettere troveranno la strada per giungere a Radio libertà. Ricordate: Radio Libertà. Indirizzo: ogni casa d'Italia". 
Sempre a "filo diretto" con gli ascoltatori le rubriche dedicate a messaggi e saluti: "Saluti a casa. I seguenti garibaldini salutano i familiari e gli amici: Mastrilli, Occhieppo Inferiore; Cichet, Biella; Pic, Tollegno [...]. Naro, Pavignano, saluta i genitori; Armando Deluca saluta i tre suoi fratelli, anch'essi partigiani in diverse formazioni partigiane". 
La parte musicale delle trasmissioni rappresenta un capitolo a sé stante di notevole interesse. A Callabiana, come si è detto, i collaboratori erano pochi ma, con il trasferimento a Sala, il loro numero aumentò. Radio Libertà disponeva, in questa seconda fase, di una piccola orchestra e di un coro. Fondamentale, per il potenziamento della parte musicale, fu la collaborazione di Hans Striecher (Scat), un musicista professionista di origine austriaca. 
Nella raccolta dei testi le informazioni relative alla musica sono molte, ma spesso generiche o indirette. Nella prima serie di trasmissioni si leggono spesso frasi come "suonare un disco", "suonare parte di un disco", "suonare disco alpino". 
"L'inno del Piave" risulta, per una parte di trasmissioni, l'unico titolo citato; ad esso era dedicato anche un breve testo: "Ricordo, ero ragazzino, di cinque o sei anni. Un giorno a passeggio, la mia mano stretta in quella di mio padre. Passa, suonando, una banda. La gente si ferma e si scopre. Anche mio padre si ferma, si scopre e stringe la mia mano. 'Perché piangi, babbo?' - gli chiedo. 'Bimbo - risponde - un giorno anche tu quando sarai alto e soldato piangerai nel sentire questa canzone. È l'inno del Piave, la canzone di tutti i soldati, la canzone della patria' ". 
Nei testi delle trasmissioni effettuate da Sala sono poche le indicazioni riguardanti la programmazione musicale, che probabilmente veniva gestita direttamente da Scat. Una conferma del successo delle esecuzioni musicali si trova tuttavia nella rubrica delle lettere degli ascoltatori: "A Luciana e Piera rispondiamo di aver letto la loro lettera direttamente al coro, e quindi ogni cosa si è messa a posto, le accontenteremo in una delle prossime sere". "Ringraziamo dei saluti le operaie del reparto pinzatrici della ditta Rivetti di Biella. Non possiamo far sentire loro la canzone che richiedono. Ad ogni modo ricambiamo i saluti". 
Più difficile la ricostruzione del repertorio musicale perché rari sono i riferimenti ai canti partigiani eseguiti. Tra questi i più noti sono "gli stornelli di Radio Libertà", i cui testi non sono riportati nei dattiloscritti delle trasmissioni10. Indizi del loro successo tuttavia sono rinvenibili negli spazi dedicati alla posta: "Abbiamo letto gli stornelli [...] li passeremo al maestro direttore e concertatore dell'orchestra". "Abbiamo ricevuto anche gli stornelli, li metteremo in scena appena possibile". "Alla piccola alunna della scuola elementare, Didi. Siamo molto grati della tua bellissima lettera e siamo anche molto grati degli stornelli scritti in compagnia dei tuoi piccoli compagni: li abbiamo dati agli stornellatori e loro li faranno sentire"11. 
Un ruolo portante nelle trasmissioni assumono i testi di commento, editoriali veri e propri, di solito posti in apertura, a volte anche più di uno per trasmissione. A questo genere di pezzi dedichiamo questa breve antologia. Sono, nel panorama dei testi conservati, quelli di maggiore impegno, sia per la lunghezza, sia per l'articolarsi dell'argomentazione. È affidato ad essi il compito di spiegare le ragioni politiche, sociali, civili, dell'azione del movimento partigiano e della radio. 
Vi prevale un tono più educativo che propagandistico, da cui traspare una intesa implicita tra annunciatore ed ascoltatore12. Anche quando il discorso è rivolto a soggetti esterni all'uditorio modello, tedeschi, fascisti, scettici in genere, il "voi", quale interlocutore individuabile sintatticamente, finisce per sdoppiarsi, non trascurando mai di strizzare l'occhio agli ascoltatori fedeli alla linea e alle passioni della Radio. Una oscillazione che è tuttavia riscontrabile anche nel "noi" soggetto parlante: i discorsi vengono formulati a volte a nome di Radio Libertà, a volte a nome dei partigiani, a volte a nome, genericamente, degli italiani. 
Mancano atteggiamenti "duri", argomenti ed argomentazioni sono, fondamentalmente, ciellenistici, sui quali avranno certo pesato le posizioni politiche di Sandro Berruto, responsabile della radio. 
Al di là di alcune mitizzazioni l'ascolto era possibile in maniera costante soprattutto a Biella e in parte del Biellese e dell'Eporediese. È evidente tuttavia che l'importanza di Radio Libertà non dipende dall'ampiezza dell'audience ma dal suo stesso esistere. L'enfatizzazione del suo ruolo, che in taluni testi o testimonianze può essere scambiata per "agiografia", come si usa dire, ne conferma in chiave mitica l'efficacia e ruolo. 
La pubblicazione di questi testi non vuole per nulla opporre quindi la razionalità del documento scritto alla vaghezza delle voci, costringendone l'immaterialità orale e uditiva nella rigidità del mezzo scritto, ma vuole fornire semmai un ulteriore, ancorché provvisorio, contributo di conoscenza ad un episodio tanto originale della Resistenza biellese.

ARTICOLO DI 

Piero Ambrosio - Alberto Lovatto

TRATTO DAL SITO: http://www.storia900bivc.it/pagine/editoria/ambrosiolovatto190.html

2015-04-12

WEEKLY TIPS FROM ROBERTO PAVANELLO


  1395  5/4 18.00 R. Activity -  radioactivity1395@libero.it IT e MX suff.
  1611 11/4 23.25 R. Goudvink - ?? EE ID e MX buono
  3320 11/4 03.45 R. Sonder Grense - Meyerton Afrikaans NX suff.
  3330 11/4 03.40 CHU - Ottawa EE/FF ID e pip pip buono
  4026 11/4 23.15 Laser Hot Hits -  studio@laserhothits.co.uk EE DX NX 
                                  buono
  4765 11/4 04.00 R. Progreso - Habana SS ID e inno nazionale buono
  4845 11/4 23.30 R. Cultura - Manaus PP calcio suff.
  4876 11/4 23.00 R. Dif. Acreana - Boa Vista PP MX suff.
  4965 11/4 23.05 R. Alvorada - Parintins PP NX suff.
 5952.5 11/4 23.35 R. Pio XII - Siglo XX Aymara talk buono
  5995 11/4 23.40 R. Mali - Bamako FF MX afro buono 
 6070  5/4 10.10 Free R. Service Holland -  frs@frsholland.nl EE ID e 
                                 MX buono
  6070 11/4 23.45 CFRB - Toronto EE sport buono
  6210 12/4 08.45 Sluwe Vos R. -  rxreport@live.nl EE ID e MX suff.
  6940 12/4 08.10 R. Enterprise -  enterpriseradio@hotmail.com IT ID e
                                 MX suff.
  7120 11/4 18.15 R. Hargeisa - Somalo talk OM buono
 9645  5/4 23.15 R. Bandierantes - Sao Paulo PP NX buono
  9665 11/4 03.10 Voz Missionaria - Camboriu PP predica buono
  9820 11/4 04.05 R.  9 de Julho - Sao Paulo PP MX buono
10000  5/4 23.10 Obs. Nac. - Rio de Janeiro PP ID e ora suff.
11855  5/4 23.05 R. Aparecida - PP predica buono
15190 11/4 18.20 R. Pilipinas - Manila Filippino intervista buono
15190 11/4 23.10 R. Inconfidencia - Belo Horizonte PP MX suff.
15395 11/4 22.50 R. Nacional - Buenos Aires SS intervista buono

2015-04-08

AUDIOCLIP DP07 SEEFUNK 7310 KHz

La rete delle stazioni VHF della DP07
Le prime battute del minuetto tratto dall'album di Anna Magdalena Bach (BWV 114) di Joahnn Sebastian Bach introducono le trasmissioni in onda corta della stazione costiera privata DP07 SEEFUNK che svolge  il suo servizio principalmente per il Mar Baltico e il Mare del Nord attraverso il suo network di stazioni VHF. Sulle onde corte la DP07 si avvale di altri provider come Monaco radio e attualmente la broadcast Deutsche Radio 700.  Questo lo schedule delle trasmissioni giornaliere:

Frequenzen:
DP07 Seefunk: blau
Radio 700: gelb
Sendezeiten DP07 Seefunk:
LT:    0930-1000 + 1400-1430
UTC: 0730-0800 + 1200-1230
  3985 - 7310 - 9560 KHz 
La domenica la trasmissione sui 7310 Khz viene solo alle 12.00 UTC. La trasmissione della mattina arriva con segnale non fortissimo ma comprensibile anche nel mio QTH. L'ascolto ASCOLTA LA CLIP AUDIO è stato effettuato alle 9.30 UTC del 6 aprile 2015 sui 7310 KHz. 

2015-04-07

EQSL FROM PT9BM PARANAIBA, BRASIL


Conferma elettronica da parte di PT9BM, operatore Gustavo, da Paranaibo, MS, Brasile. Ascolto in JT98 mode sulla banda dei 10 metri.

2015-04-06

NAVTEX, LA MADDALENA RADIO 490 KHx

Visione aerea dell'Isola della Maddalena
La frequenza dei 490 KHz è riservata alle trasmissioni in lingua nazionale delle stazioni costiere che diffondono i loro bollettini e avvisi con il sistema Navtex. Questo è uno degli avvisi trasmessi questa mattina da La Maddalena Radio, una delle stazioni costiere italiane che fanno parte del network per la diffusione con questo sistema digitale. Nel mio QTH è la stazione italiana che si riceve con maggior facilità.

ZCZC IA87
060520 UTC APR 15
LA MADDALENA RADIO

COSTAVURNAV NR. 145/15 MAR 26
ZONA TIRRENO MERIDIONALE SETTORE EST
DAL 28 MARZO 2015 AL 13 APRILE 2015 LA N/R POSEIDON
EFFETTUERA' UNA CAMPAGNA OCEANOGRAFICA NELL'AREA DELIMITATA DA:
- PARALLELI 39 32N - 39 33N
- MERIDIANI 014 41E - 014 44E.
DURANTE LA CAMPAGNA, TUTTE LE UNITA' IN TRANSITO DOVRANNO
MANTENERSI AD UNA DISTANZA NON INFERIORE A 500 METRI
DALLA N/R POSEIDON CHE DOVRA' ESSERE CONSIDERATA
NAVE CON MANOVRABILITA'LIMITATA.
NAVI ET NATANTI IN TRANSITO PRESTINO MASSIMA ATTENZIONE
NNNN

2015-04-05

AUDIOCLIP,CHELMSFORD CALLING WORLD SERVICE 6070 KHz

Nel cospicuo bouquet del fine settimana di Channel 292 l'emittente tedesca che opera sui 6070 KHz, è compresa anche questa interessante trasmissione in lingua inglese dal titolo "Media magazine" prodotta da Chelmsford Calling World Service organizzazione inglese che si occupa di radio e telecomunicazioni. La trasmissione è andata in onda oggi, 5 aprile 2015 alle ore 16.00 UTC attraverso il sito trasmittente tedesco. ASCOLTA LA CLIP AUDIO . Queste le note di presentazione in lingua inglese riprese dal sito dell'associazione http://www.chelmsfordcalling.com/ .

Welcome to The Chelmsford Calling Network - promoting radio technology & celebrating our wireless heritage. We are in Chelmsford UK, credited as the 'birthplace of radio' & currently home to a number of new & innovative projects.

Our radio ventures include :

    - programming for international short wave stations & local radio services...
      - presenting talks on radio broadcast history...
        - transcribing specialist publications for visually impaired colleagues...
          - operating RSL (short term) radio stations & a community radio service...
            - supporting & training amateur radio 'hams'...
              - arranging fund-raising social events...
                - advising interested groups on RSL / LPAM & community services...

We are currently involved with various radio groups & are happy to help with any radio related ventures. Our experience & passion for radio means we are well placed to assist & promote a wide variety of radio projects.

For more details of past, present & future projects, use the 'Sitemap' & 'Events' links in the header menu. Items are also listed under the radio headings of 'Broadcast' & 'Amateur'.  

Please feel free to get in touch with us - we look forward to hearing from you !

WEEKLY TIPS FROM ROBERTO PAVANELLO

  

   828   2/4 22.00 Hit FM - Terrasa ID e MX buono 
  1026  2/4 21.55 R. Jaen - SS ID e pubblicità locale suff. 
  1260 30/3 21.55 R. Murcia - SS ID e pubblicità locale buono 
  1611 29/3 18.00 R. Gold 15-93  gold1593radio@gmail.com e MX 
                                 buonoMa
 4747  5/4 00.05  R. Huanta 2000 - SS MX suff.
 4775  4/4 23.50 R. Tarma - SS MX suff.
 4876  4/4 23.55 R. Dif. Roraima - Boa Vista PP MX buono
 4915  4/4 23.45 R. Difusora - Macapa' PP MX buono
 4925   5/4 23.40 R. Educ. Rural - Tefe' PP predica buono
 4955  5/4 00.00 R. Cultural Amauta - Huanta SS NX suff.
 5910  4/4 16.00 R. Romania Int. - Bucarest IT ID e NX buono
 5952.5 5/4 00.10 R. Pio XII - Siglo XX Aymara talk YL buono
 6060  5/4 08.50 R. Face de Blatte -  radio.rfb@gmail.com EE ID e MX 
                                buono
 6070  5/4 00.15 CFRX - Toronto EE NX buono
 6090  5/4 00.20 Caribbean Beacon - Anguilla EE predica buono
 6210  4/4 22.00 R. NMD -  nmdradio@hotmail.com EE ID e MX buono
 6210  5/4 09.25  R. Studio 64 -  studio64.shortwave@gmail.com EE ID 
                                e MX suff.
 6245  4/4 22.15 Crazy Wave R. -  shortwave@gmx.de Tedesco ID e 
                                MX buono
 6254  4/4 22.05 R. Marabu -  info@radiomarabu.de EE ID e MX buono
 6320  5/4 09.30 Magic AM -  magicamradio@gmail.com EE ID e MX 
                               buono
 6380  5/4 09.15 R. Zwarte Panter -  zwartepanter1951@hotmail.com 
                                EE ID e MX suff.
 6285  4/4 22.10 R. Focus Int. -  focus@live.co.uk EE ID e MX buono
 6295  4/4 22.25 R. Abu Dhabi - ???? EE ID e MX buono
 6400  4/4 22.20 R. Akenzo -  akenzoteam@hotmail.com EE ID e MX 
                                buono
 6875  4/4 15.30 R. Samuray -  radiosamurai2014@gmail.com IT ID e
                                MX buono
 6875  5/4 08.35 R. Europe -  radioeurope@iol.it IT ID e MX buono
 6950  5/4 08.40 R. Mirabelle -  radiomirabelle@laposte.net FF ID e MX 
                                suff.
 7265  5/4 08.30 MV Baltic R. -  info@mvbalticradio.de Tedesco ID e 
                                MX buono
  7465 31/3 17.00 R. Tirana - IT ID e NX buono
 7620  5/4 08.45 R. Waves Int. -  rwaves@free.fr EE ID e MX buono
  9490 29/3 18.15 R. Cairo - IT NX incomprensibile
11765  2/4 21.30 R. Deus è Amor - Curitiba PP predica buono

MONDOLFO RADIO 518 KHz, AVVISO DI SCOMPARSA IN MARE DI DUE MARINAI

Mondolfo Radio (E) è una delle stazioni costiere italiane che insieme a La Maddalena Radio (I) e Sellia Marina Radio (W), fa parte del network che trasmette bollettini meteo e avvisi ai naviganti col sistema navtex in lingua italiana sui 490 KHz e in inglese sui 518 KHz. A queste stazioni dovrebbe aggiungersi prossimamente Piombino Radio. Oltre ai bollettini e gli avvisi di routine che assistono il lavoro della gente di mare, queste stazioni devono anche trasmettere drammatici avvisi degli incidenti sul lavoro che a volte evolvono in tragedia. Nei giorni scorsi tutti gli organi di informazione hanno riportato notizie della tragedia della nave da pesca "Sparviero" che in seguito a uno spostamento del carico è naifragata  a 43 gradi e 17 primi nord e 13 gradi e 48 primi Est nel Mare Adriatico. Due i morti accertati e due i dispersi di cui non si è più avuta notizia. Ed è proprio dei due scopmparsi e delle ricerche in corso che parla questo drammatico avviso  che  è  stato trasmesso da Mondolfo Radio, in inglese, sulla frequenza dei 518 KHz. 
Questo il testo dell'avviso:

ZCZC UD36
041520 UTC APR 15
MONDOLFO RADIO
FM IMRCC ROME -ITALIAN COAST GUARD
TO ALL SHIP TRANSITING IN ADRIATIC SEA
AT 0630 LT FISHING VESSEL .SPARVIERO. CAPSIZED IN POSITIONLAT. 4317'N - LONG. 01348'E.
TWO CREW MEMBERS ARE STILL LOST AT SEA.
SEARCH AND RESCUE OPERATIONARE IN PROGRES.
ALL SHIPS TRANSITING WHITIN ADRIATIC EA BE AWARE TO KEE A SHARP LOOKOUT AD 
REPORT ANY SIGHTINGINFORMATION
TO MRSC ANCONA +39 071502101 OR ANCONA RADIO

NNNN

Le antenne di Mondolfo Radio (Foto di Fabrizio Magrone)

Esistono diversi software per la decodifica delle trasmissioni navtex, quasi tutti free e di facile utilizzo. Per le frequenze utilizzate da questo servizio è di facile consultazione il sito dx infocentre con lo SCHEDULE MONDIALE DELLE STAZIONI NAVTEX .

Le antenne di Mondolfo Radio (Foto di Fabrizio Magrone)

2015-04-04

EQSL FROM VK6YS OAKFORD, WESTERN AUSTRALIA


Altra conferma elettronica, questa volta dall'Australia, per la ricezione di un QSO in JT65 sulla banda dei 18 MHz. VK6YS, operatore Wally, da Oakford, Australia Occidentale.

2015-04-01

RTTY SCREENSHOT C21EU NAURU ISLAND


Attività pomeridiana in RTTY sulla banda dei 20 metri da Nauru Island, piccola isola stato della Micronesia, Oceano Pacifico, con referenza IOTA OC-032. Gli immancabili tedeschi, con l'aggiunta di un olandese, rimarranno sull'isola fino al 4 aprile.




EQSL FROM HC6PE ECUADOR


eQSL dalla stazione ecuadoriana HC6PE per un rapporto d'ascolto sulla banda dei 10 metri nel modo JT65.