SCORREVOLE 2

TOP NEWS ==== ZCZC 774 5/1 13.30 Unid con MX insuf/suff. 846 6/1 00.10 R. North - Redcastle EE MX gospel suff. 918 3/1 23.20 R. Inter - Madrid SS MX buono 1008 3/1 18.45 Unid in FF ERT Corfù???? suff. 1008 4/1 18.45 R. Girona - Catalano NX reg. Catalunya suff. 1008 5/1 04.10 ERT - Kerkira Greco MX buono 1350 31/12 00.30 R. Boa Vontade - Salvador PP MX suff. 1476 3/1 23.10 R. Marivan - Curdo MX suff. 1530 1/1 18.30 VoA - Sao Tome’ FF MX buono 1560 5/1 06.10 WFME - New York EE predica suff. 1566 3/1 23.15 R. Kolbe - Schio IT MX gregoriana buono 1575 2/1 11.10 RAI R.1 - Genova IT NX reg. Liguria buono 1602 2/1 23.34 R. Ontinyent - SS ID e pubblicità locale buono 1615 6/1 00.05 R. Barones - Dutch MX buono 1625 4/1 23.10 R. Pandora - Dutch MX suff. 1647 3/1 23.05 R. Armada - Dutch ID e MX suff. 3915 30/12 23.35 BBC - Singapore EE NX buono 4765 30/12 23.40 Tajik R. - Dushambe Tagico MX buono 4885 30/12 23.45 R. Clube do Parà - Belem PP MX buono 4980 30/12 23.50 WRMI - Miami EE MX MX orientale suff. 5825 5/1 14.05 OZ Viola - Hillerod Danese MX suff. 6180 31/12 00.10 R. Nac. Amazonas - Brasilia PP MX buono 6190 1/1 10.30 Techinische Man - Dutch ID e MX ottimo 6205 6/1 09.30 Laser Hot Hits - EE MX buono 6210 6/1 09.45 King SW - EE MX buono 6285 6/1 09.50 R. Rona Lisa - EE MX suff. 6305 6/1 09.35 R. Merlin Int. - EE MX suff. 6450 6/1 10.20 R. Readymix - EE MX buono 6747 31/12 15.30 R. Pioneer - EE ID e MX buono 9610 6/1 10.00 AWR - Firenze IT Obiettivo DX by Roberto Scaglione ottimo 9700 31/12 11.00 R. New Zeland Int. - Wellington EE Happy New Year suff NNNN ----

2017-10-08

IL RAPPORTO CENSIS SUI CONSUMI MEDIATICI DEGLI ITALIANI NEL 2017


La rilevazione dei consumi mediatici degli italiani nel 2017 evidenzia che (figg. 1-3): - la televisione, in tutte le sue forme di trasmissione e di fruizione, con il 95,5% di spettatori rispetto al totale della popolazione, occupa il primo posto tra i media degli italiani, pur avendo perso 2 punti percentuali di utenza rispetto allo scorso anno. La tv tradizionale (digitale terrestre) cede qualche telespettatore, confermando però un seguito elevatissimo (il 92,2% di utenza complessiva, con una riduzione del 3,3% rispetto al 2016) specialmente perché ha saputo diversificare notevolmente l’offerta, spaziando dagli eventi che coinvolgono il grande pubblico alla programmazione di nicchia dei molti canali monotematici che trasmettono gratuitamente. La tv satellitare sembra ormai essersi stabilizzata intorno a quote di utenza che si avvicinano alla metà degli italiani (il 43,5% nel 2017). Cresce la tv via internet (web tv e smart tv hanno il 26,8% di utenza, +2,4% in un anno) ed è decollata la mobile tv, che ha raddoppiato in un anno i suoi utilizzatori (passati dall’11,2% al 22,1%), segno dell’uso sempre più diffuso degli smartphone;


- la radio tradizionale perde 4 punti percentuali di utenza, scendendo al 59,1% di italiani radioascoltatori. La flessione è compensata però dall’ascolto delle trasmissioni radio via internet attraverso il pc (utenza al 18,6%, +4,1% in un anno). L’autoradio rimane sempre lo strumento preferito dagli italiani per ascoltare le trasmissioni che vanno in onda in diretta (utenza al 70,2%). Complessivamente, comunque, la radio si conferma ancora ai vertici delle preferenze degli italiani, con una utenza complessiva dell’82,6% considerando tutti i vettori dei programmi radiofonici; - i quotidiani, invece, continuano a soffrire per la mancata integrazione nel mondo della comunicazione digitale. Oggi solo il 35,8% degli italiani legge i giornali cartacei. E negli ultimi dieci anni, mentre i quotidiani a stampa perdevano il 25,6% di utenza, i quotidiani online ne acquistavano solo il 4,1% (oggi hanno una utenza pari al 25,2%). Nel campo dei periodici, però, nell’ultimo anno si è registrata una piccola ripresa sia dei settimanali (il 31% di utenza, +1,8%), sia dei mensili (il 26,8% di utenza, +2,1%); - solo il 42,9% degli italiani ha letto almeno un libro a stampa nell’anno e il 9,6% ha letto almeno un e-book. Complessivamente, i lettori di libri si attestano al 45,7% della popolazione totale, confermando la ancora scarsa capacità dei libri elettronici di attirare nuovi lettori; - il telefono cellulare è usato dall’86,9% degli italiani e lo smartphone, in particolare, dal 69,6% (la quota era solo del 15% nel 2009); - la crescita di internet ha rallentato il ritmo, ma prosegue. Nel 2017 ha raggiunto una penetrazione pari al 75,2% degli italiani, con una differenza positiva dell’1,5% rispetto al 2016 (e del 29,9% rispetto al 2007); 




- gli utenti di WhatsApp (il 65,7% degli italiani) coincidono praticamente con le persone che usano lo smartphone, mentre circa la metà degli italiani usa i due social network più popolari: Facebook (56,2%) e YouTube (49,6%). Importante è il passo in avanti compiuto da Instagram, che in due anni ha raddoppiato la sua utenza (nel 2015 era al 9,8% e oggi è al 21%), mentre Twitter resta attestato al 13,6%. Anche i social network, però, si stanno uniformando al modello della comunicazione integrata, per cui da semplici reti di messaggistica tendono sempre di più a diventare piattaforme multicanale di distribuzione di contenuti (dall’informazione alle fiction, fino agli eventi sportivi, diffusi dal centro verso la periferia del sistema). L’andamento della spesa delle famiglie per i consumi mediatici nell’intervallo di tempo tra il 2007 (l’anno prima dell’inizio della crisi) e il 2016 evidenzia che, mentre i consumi complessivi degli italiani hanno subito una significativa flessione (-3,9% in termini reali nell’intero periodo), la spesa per l’acquisto di telefoni ed equipaggiamento telefonico ha segnato anno dopo anno un vero e proprio boom (+190%, per un valore di poco meno di 6 miliardi di euro nell’ultimo anno), quella dedicata all’acquisto di computer, audiovisivi e accessori ha conosciuto un rialzo rilevantissimo (+45,8%), mentre i servizi di telefonia si assestavano verso il basso per effetto di un riequilibrio tariffario (-14,3%, per un valore però di oltre 16,8 miliardi di euro) e, infine, la spesa per libri e giornali ha subito un crollo (-37,4%) (fig. 4).  

No comments: