SCORREVOLE 2

TOP NEWS ==== ZCZC 774 5/1 13.30 Unid con MX insuf/suff. 846 6/1 00.10 R. North - Redcastle EE MX gospel suff. 918 3/1 23.20 R. Inter - Madrid SS MX buono 1008 3/1 18.45 Unid in FF ERT Corfù???? suff. 1008 4/1 18.45 R. Girona - Catalano NX reg. Catalunya suff. 1008 5/1 04.10 ERT - Kerkira Greco MX buono 1350 31/12 00.30 R. Boa Vontade - Salvador PP MX suff. 1476 3/1 23.10 R. Marivan - Curdo MX suff. 1530 1/1 18.30 VoA - Sao Tome’ FF MX buono 1560 5/1 06.10 WFME - New York EE predica suff. 1566 3/1 23.15 R. Kolbe - Schio IT MX gregoriana buono 1575 2/1 11.10 RAI R.1 - Genova IT NX reg. Liguria buono 1602 2/1 23.34 R. Ontinyent - SS ID e pubblicità locale buono 1615 6/1 00.05 R. Barones - Dutch MX buono 1625 4/1 23.10 R. Pandora - Dutch MX suff. 1647 3/1 23.05 R. Armada - Dutch ID e MX suff. 3915 30/12 23.35 BBC - Singapore EE NX buono 4765 30/12 23.40 Tajik R. - Dushambe Tagico MX buono 4885 30/12 23.45 R. Clube do Parà - Belem PP MX buono 4980 30/12 23.50 WRMI - Miami EE MX MX orientale suff. 5825 5/1 14.05 OZ Viola - Hillerod Danese MX suff. 6180 31/12 00.10 R. Nac. Amazonas - Brasilia PP MX buono 6190 1/1 10.30 Techinische Man - Dutch ID e MX ottimo 6205 6/1 09.30 Laser Hot Hits - EE MX buono 6210 6/1 09.45 King SW - EE MX buono 6285 6/1 09.50 R. Rona Lisa - EE MX suff. 6305 6/1 09.35 R. Merlin Int. - EE MX suff. 6450 6/1 10.20 R. Readymix - EE MX buono 6747 31/12 15.30 R. Pioneer - EE ID e MX buono 9610 6/1 10.00 AWR - Firenze IT Obiettivo DX by Roberto Scaglione ottimo 9700 31/12 11.00 R. New Zeland Int. - Wellington EE Happy New Year suff NNNN ----

2019-02-04

AUDIOCLIP: VATICAN RADIO, SPECIAL TRANSMISSION FORM ABU DHABI 15635 KHz


In occasione del meeting interreligioso di Abu Dhabi al quale ha partecipato Papa Francesco, la Radio Vaticana ha effettuato una trasmissione speciale in onde corte con la diffusione in diretta degli interventi del Papa e degli altri partecipanti al meeting. La trasmissione della prima giornata del meeting è avvenuta su due frequenze: 15635 KHz con commento in inglese e 11835 KHz con commento in arabo. Vi proponiamo un clip audio registrata nel corso della diretta con l'identificazione della stazione e l'inizio del discorso del Papa.

VATICAN RADIO 15635 KHz
  
On the occasion of the interreligious meeting of Abu Dhabi in which Pope Francis participated, Vatican Radio carried out a special short wave broadcast with the live broadcast of the Pope's speeches and of the other participants at the meeting. The transmission of the first day of the meeting took place on two frequencies: 15635 KHz with comment in English and 11835 KHz with comment in Arabic. We propose an audio clip recorded during the live broadcast with the identification of the station and the beginning of the Pope's speech

2019-01-22

AUDIOCLIP: RNE BALEARIC ISLANDS, THE LOCAL IDENTIFICATION


La trasmissione locale di RNE per le Isole Baleari viene diffusa sulla frequenza di 621 KHz attraverso il trasmettitore di Palma di Maiorca che opera con 10 KW di potenza. Vi proponiamo una clip con l'identificazione locale della stazione e uno spot dedicato alla promozione turistica delle isole.

RNE ISLAS BALEARES IDENTIFICATION


The local program of RNE for the Balearic Islands is transmitted on the frequency of 621 KHz through the transmitter of Palma de Mallorca that operates with 10 KW of power. We propose a clip with the local identification of the station and a spot dedicated to the tourist promotion of the islands.

RNE ISLAS BALEARES 1982

2019-01-21

FM BAND SCAN ROMA (MOSTACCIANO)



Veloce FM band scan di domenica 20 gennaio 2019 in zona Mostacciano a Roma. Ho utilizzato un ricevitore XHDATA D808 con la sua antenna telescopica incorporata.

87.600 RAI RADIO 1
87.800 R. ONDA ROSSA
88.100 RADIO ELLE
88.300 RADIO FRECCIA
88.600 RADIO RADICALE
88.900 RADIO ZETA
89.100 RADIO CUSANO CAMPUS
89.300 RADIO SS LAZIO
89.500 RADIO WEEK END
89.700 RAI RADIO 1
90.000 NSL ROMA
90.300 RADIO DEE JAY
90.500 M2O
90.700 RADIO SONICA
90.900 RMC SPORT
91.000 RAI RADIO 2
91.500 ????
91.700 RAI RADIO 2
92.000 RADIO 101
92.200 RTL 102.5
92.400 RTL 102.5
92.700 TELE RADIO STEREO
93.000 RADIO ROMA CAPITALE
93.300 RADIO ZETA
93.500 RADIO MATER
93.700 RAI RADIO 3
94.000 RADIO SUBASIO
94.200 VIRGIN RADIO
94.500 RADIO SUBASIO
94.800 RADIO MARIA
95.100 RADIO MARIA
95.300 RADIO DIMENSIONE SUONO
95.500 RADIO CAPITAL
95.800 RADIO CAPITAL
96.100 RADIO 105
96.300 RADIO IN BLU
96.600 RADIO 105
96.800 RADIO INCONTRO
97.000 M2O
97.200 KISS KISS
97.500 RADIO ITALIA
97.700 RADIO CITTA’ FUTURA
97.900 KISS KISS
98.100 RADIO SEI
98.400 RAI RADIO 3
98.700 VIRGIN RADIO
99.000 RTR 99
99.300 RAI GR PARLAMENTO
99.600 RADIO GLOBO
99.800 M100
100.000 RADIO 101
100.300 RAI RADIO CLASSICA
100.500 RADIO ITALIA ANNI 60
100.700 RADIO COMPANY ?
101.000 RADIO DEE JAY
101.300 RADIO CENTROSUONO
101.500 CENTROSUONO SPORT
101.700 RADIO EVANGELO
101.900 DIMENSIONE SUONO ROMA
102.100 RADIO FRECCIA
102.300 TELE RADIO STEREO
102.500 RTL 102.5
102.700 RAM POWER
103.000 RADIO DIMENSIONE SUONO
103.300 RADIO NEWS 24
103.500 RAI ISORADIO
103.800 RADIO VATICANA
104.000 RADIO CRIK KROK
104.200 RETE SPORT
104.500 RADIO RADIO
104.800 RADIO VOCE DELLA SPERANZA
105.000 RADIO VATICANA
105.300 DIMENSIONE SOFT
105.600 RADIO ITALIA
105.800 RADIO INCONTRO
106.100 RMC
106.300 RMC
106.600 RADIO ROCK
106.900 RADIO MAMBO
107.100 RADIO ANTENNA 1
107.400 RADIO 105
107.700 RADIO RADICALE
107.900 RADIO 24


2019-01-15

AUDIOCLIP, RNE ANDALUCIA 972 KHz, LOCAL IDENTIFICATION


Alle 18.45 UTC le sedi regionali di Radio Nacional Espana trasmettono i notiziari locali che vengono preceduti dall'identificazione locale della stazione. Ascoltare questa identificazione in onde medie permette di rilevare con certezza quale trasmettitore si sta ascoltando in quel momento. La clip che vi proponiamo è stata registrata alle 18.45 del 15-1-2019 sulla frequenza dei 972 KHz ed è relativa alla trasmissione locale dell'Andalusia che risulta abbondantemente dominante,  mentre il notiziario galiziano si ascolta in isofrequenza ma con segnale molto più debole.



RNE local program for Andalucia on 972 KHz MW at 18.45 UTC.

2019-01-10

CHIME, A DX OF 1.5 BILLION OF LIGHT YEARS




E' di poche ore fa la notizia che il radiotelescopio canadese conosciuto con l'acronimo CHIME (Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment) ha rilevato sei impulsi della durata di pochi millesimi di secondo  definiti "anomali"provenienti da una galassia distante un miliardo e mezzo di anni luce dalla terra.  Si tratta dei misteriosi fast radio burst il cui studio è uno degli scopi del radiotelescopio canadese costato 16 milioni di dollari e che è entrato in servizio nella seconda parte del 2018. Ubicato un un remoto sito del nord ovest canadese, all'interno della  della British Columbia, questo radiotelescopio non ricalca la concezione classica delle grandi parabole orientabili che ben conosciamo e gli elementi dell'antenna, distributi su una superficie equivalente a quella di un campo di calcio sono costituiti da 4 cilindri con orientamento nord-sud. Il sistema è in grado di operare anche su frequenze "basse" intorno ai 400 MHz. Il radiotelescopio effettua un monitoraggio h24 dell'emisfero settentrionale e il team di scienziati che vi lavora si aspetta la scoperta di altri segnali "ripetuti" sulla vasta gamma di frequenze monitorate. Alla realizzazione del progetto CHIME hanno collaborato L'Università della British Columbia, la MCGill University, l'Università di Toronto, il Dominion Radio Astrophisical Obsevatory e altre istituzioni pubbliche e private del Nord America. L'area dove sorge il radiotelescopio è protetta da una legislazione che vieta l'emissione di onde elettromagnetiche di provenienza umana, ovvero niente telefonini, radio e altri strumenti che utilizzano le onde radio per molti chilometri intorno al sito. Queste le caratteristiche del radiotelescopio così come riportate dal sito ufficiale del CHIME:
 https://chime-experiment.ca/location


CHIME consists of four adjacent 20m x 100m cylindrical reflectors oriented north-south. The focal axis of each cylinder is lined with 256 dual-polarization antennas, each of which receives radiation from a large swath of sky that nearly stretches from the northern horizon to the southern horizon. This gives CHIME its enormous field of view. The CHIME antennas are custom-designed to have good sensitivity from 400 to 800 MHz, in both linear polarizations. This gives CHIME its large frequency coverage. Signals from the antennas are amplified in two stages, using low-noise amplifiers developed by the cell-phone industry. This novel application of consumer technology makes CHIME affordable. The 2048 signals from these inputs (256 antennas x 2 polarizations x 4 cylinders) are fed to the F-Engine for the initial stage of digital processing.



FAST RADIO BURST DETECTOR
To search for FRBs, CHIME will continuously scan 1024 separate points or “beams” on the sky 24/7. Each beam is sampled at 16,000 different frequencies and at a rate of 1000 times per second, corresponding to 130 billion bits of data per second to be sifted through in real time. The data are packaged in the X-engine and shipped via a high-speed network to the FRB backend search engine, which is housed in its own 40-foot shipping container under the CHIME telescope. The FRB search backend will consist of 128 compute nodes with over 2500 CPU cores and 32,000 GB of RAM. Each compute node will search eight individual beams for FRBs. Candidate FRBs are then passed to a second stage of processing which combines information from all 1024 beams to determine the location, distance and characteristics of the burst. Once an FRB event has been detected, an automatic alert will be sent, within seconds of the arrival of the burst, to the CHIME team and to the wider astrophysical community allowing for rapid follow up of the burst. 
It is a few hours ago the news that the Canadian radio telescope known by the acronym CHIME (Canadian Hydrogen Intensity Mapping Experiment) has detected six impulses lasting a few thousandths of a second defined as "anomalous" coming from a galaxy distant one and a half billion light years from the earth. These are the mysterious fast radio bursts whose study is one of the purposes of the Canadian radio telescope costing 16 million dollars and which entered service in the second part of 2018. Located at a remote site of the Canadian Northwest, within the British Columbia, this radio telescope does not follow the classic conception of the large orientable parabola that we know well and the elements of the antenna, distributed on a surface equivalent to that of a football field, consist of 4 cylinders with north-south orientation. The system is able to operate even on "low" frequencies around 400 MHz. The radio telescope performs a 24-hour monitoring of the northern hemisphere and the team of scientists working there expects the discovery of other "repeated" signals on the wide range of monitored frequencies. The University of British Columbia, MCGill University, the University of Toronto, the Dominion Radio Astrophisical Obsevatory and other public and private institutions in North America collaborated on the realization of the CHIME project. The area where the radio telescope is located is protected by legislation that prohibits the emission of electromagnetic waves of human origin, ie no mobile phones, radios and other instruments that use radio waves for many kilometers around the site. These are the characteristics of the radio telescope as reported by the official website of CHIME:

 https://chime-experiment.ca/location
translate with google.

2019-01-09

AUDIOCLIP, KBS WORLD RADIO, 9740 KHz

Un ascolto di qualche tempo fa della KBS World Radio dalla Corea del Sud ascoltata sulla frequenza dei 9740 KHz.

KBS IDENTIFICATION

AUDIOCLIP, ERT KERKYRA 1008 KHz, THE LOCAL IDENTIFICATION



Dopo la dismissione delle onde medie da parte dell'emittente olandese Groot Niuwes Radio, la frequenza dei 1008 KHz si è nuovamente aperta all'ascolto della stazione ERT di Kerkyra (Corfù) che ripete le trasmissioni dei network nazionali con fasce dedicate alla programmazione  programmazione locale. La potenza utilizzata è di 50 KW che consente un ascolto molto buono nella fascia oraria pomeridiana, mentre con l'imbrunire l'emittente entra in conflitto con altre emittenti in isofrequenza.L'ascolto che vi proponiamo è stato effettuato alle 16.00 UTC e la clip contiene due identificazioni: la prima relativa al canale nazionale, mentre dopo alcuni secondi è possibile ascoltare l'identificazione locale. Il secondo annuncio è stato trasmesso al termine della lettura del notiziario alle 16.10. 

ERT KYERKYRA LOCAL IDENTIFICATION



GLI STUDI DI ERT KERKYRA Photo by corfupost.gr
After the disposal of the medium waves by the Dutch broadcaster Groot Niuwes Radio, the frequency of 1008 KHz has again opened to listening to the ERT station of Kerkyra (Corfù) which repeats the broadcasts of the national networks with segments dedicated to programming local programming . The power used is 50 KW which allows a very good listening in the afternoon time slot, while with the dusk the issuer is in conflict with other broadcasters in isofrequency. The listening that we propose was made at 16.00 UTC and the clip contains two identifications: the first on the national channel, while after a few seconds it is possible to listen to the local identification. The second announcement was sent at the end of the newsletter reading at 16.10 UTC.
TRANSLATED WITH GOOGLE

2019-01-06

WEEKY TIPS FROM ROBERTO PAVANELLO



774 5/1 13.30 Unid con MX insuf/suff.
846 6/1 00.10 R. North - Redcastle EE MX gospel suff.
918 3/1 23.20 R. Inter - Madrid SS MX buono
1008 3/1 18.45 Unid in FF ERT Corfù???? suff.
1008 4/1 18.45 R. Girona - Catalano NX reg. Catalunya suff.
1008 5/1 04.10 ERT - Kerkira Greco MX buono
1350 31/12  00.30 R. Boa Vontade - Salvador PP MX suff.
1476 3/1 23.10 R. Marivan - Curdo MX suff.
1530 1/1 18.30 VoA - Sao Tome’ FF MX buono
1560 5/1 06.10 WFME - New York EE predica suff.
1566 3/1 23.15 R. Kolbe - Schio IT MX gregoriana buono
1575 2/1 11.10 RAI R.1 - Genova IT NX reg. Liguria buono
1602 2/1 23.34 R. Ontinyent - SS ID e pubblicità locale buono
1615 6/1 00.05 R. Barones - Dutch MX buono
1625 4/1 23.10 R. Pandora - Dutch MX suff.
1647 3/1 23.05 R. Armada - Dutch ID e MX suff.
3915 30/12 23.35 BBC - Singapore EE NX buono
4765 30/12 23.40 Tajik R. - Dushambe Tagico MX buono
4885 30/12 23.45 R. Clube do Parà - Belem PP MX buono
4980 30/12 23.50 WRMI - Miami EE MX MX orientale suff.
5825 5/1 14.05 OZ Viola - Hillerod Danese MX suff.
6180 31/12 00.10 R. Nac. Amazonas - Brasilia PP MX buono
6190 1/1 10.30 Techinische Man - Dutch ID e MX ottimo
6205 6/1 09.30 Laser Hot Hits - EE MX buono
6210 6/1 09.45 King SW - EE MX buono
6285 6/1 09.50 R. Rona Lisa - EE MX suff.
6305 6/1 09.35 R. Merlin Int. - EE MX suff.
6450 6/1 10.20 R. Readymix - EE MX buono
6747 31/12 15.30 R. Pioneer - EE ID e MX buono
9610 6/1 10.00 AWR - Firenze IT Obiettivo DX by Roberto Scaglione
ottimo
9700 31/12 11.00 R. New Zeland Int. - Wellington EE Happy New Year suff.

2019-01-01

WIEN: NEW YEAR CONCERT ON THE RADIO, NEW AND OLD AUDIOCLIPS


Anche quest'anno la sala d'oro del Musik Verei di Vienna ha ospitato il tradizionale Concerto di Capodanno che si svolge in quella città dal 1939. Nel corso degli anni questo evento tipicamente viennese si trasformato in un evento globale con copertura mediatica in quasi tutti i Paesi del mondo. La radio naturalmente è in prima linea nella diffusione in diretta del concerto e RAI Radiotre a partire dalle 11.15 del primo gennaio trasmette integralmente l'evento che solo nel pomeriggio viene diffuso in differita televisiva da RAIDUE. Fino a qualche anno fa la ORF, l'ente pubblico di radiodiffusione austriaco, diffondeva anche in onde corte il concerto sulla storica frequenza dei 6155 KHz, ma a partire dalla drastica riduzione delle trasmissioni in onde corte su questa banda non c'è stata più la copertura mediatica dell'evento. Scavando negli archivi però abbiamo ritrovato un paio di interessanti registrazioni effettuate in onde il primo gennaio 2009, quando a dirigere l'orchestra era Daniel Barenboim. La prima clip è l'annuncio multilingue, compreso l'italiano, prima dell'evento:

ORF: IDENTIFICATION AND MULTILINGUAL ANNOUNCE OF CONCERT


Questa è invece la Marcia di Radetzky, il brano che conclude il concerto, seguita dall'identificazione multilingue:

ORF: RADETZY MARCH AND FINAL MULTILINGUAL IDENTIFICATION



Per coloro che invece volessero ascoltare alcuni minuti di buona musica senza il noise delle onde corte c'è la registrazione del "Bel Danubio blu e della "Marcia di Radetzy" di questa mattina trasmessa in diretta da RAI Radiotre sui 98.300 MHz in FM.

RAI: CONCERT 2019

AUDIOCLIP. GROOT NIEUWS RADIO THE SHUT DOWN ON MEDIUM WAVES

Groot Nieuws Radio on air.


Come annunciato nei mesi scorsi la radio cristiana olandese Groot Nieuws Radio ha cessato le sue trasmissioni in onda media sulla frequenza dei 1008 KHz per il suo passaggio definitivo su satellite, internet e DAB+. Le trasmissioni regolari sono cessate nel corso della notte, mentre in questo momento sta andando in onda un annuncio ripetuto in loop che comunica agli ascoltatori i nuovi modi di ascolto della radio.

L'ANNUNCIO DELLA CHIUSURA SU  ONDE MEDIE




As announced in recent months Dutch Christian radio Groot Nieuws Radio has ceased its broadcast on MEDIUM WAVES on the frequency of 1008 KHz for its final transition on satellite, internet and DAB +. Regular broadcasts have ceased during the night, while a repeated loop announcement is airing at this time, informing listeners of new ways to listen to the radio.



In quest'altra clip audio invece si può ascoltare l'annuncio fatto a mezzanotte con il passaggio all'anno 2019. A cavallo tra i due anni è stato trasmesso un inno religioso tradizionale, probabilmente una preghiera di ringraziamento, per poi riprendere la normale programmazione musicale.

In this other audio clip you can listen to the announcement made at midnight with the passage to the year 2019. At the turn of the two years a traditional religious hymn was broadcast, probably a prayer of thanksgiving, and then resume normal programming musical.

ANNUNCIO DEL PASSAGGIO AL 2019 E INNO RELIGIOSO A MEZZANOTTE

2018-12-26

BOLOGNA, RAILWAY STATION, THE MURAL PAINTING DEDICATED TO GUGLIELMO MARCONI


Una piccola curiosità per gli estimatori di Guglielmo Marconi. La sala d'attesa della stazione ferroviaria di Bologna ospita un dipinto murale di  grandi dimensioni che riassume l'attività dello scienziato/imprenditore dagli esordi, rappresentati da Villa Griffone e i primi esperimenti in mare, fino ai collegamenti transoceanici stilizzati in una enorme longwire che copre idealmente l'intero globo terracqueo. Dall'esterno un Marconi anch'esso stilizzato, ma facilmente riconoscibile dal profilo, osserva la sua opera. 

A little curiosity for the admirers of Guglielmo Marconi. The waiting room of the railway station of Bologna hosts a large mural painting that summarizes the activity of the scientist / entrepreneur from the early days, represented by Villa Griffone and the first experiments at sea, up to the stylized transoceanic connections in a huge longwire covering ideally the whole earth globe. From the outside a Marconi, also stylized, but easily recognizable by the profile, observes his work.

AUDIOCLIP: VATICAN RADIO, BLESSING "URBI ET ORBI" ON SHORT WAVES 15595 KHz


Come di consueto nel periodo natalizio la Radio Vaticana ha inserito nella sua programmazione in onde corte una serie di trasmissioni straordinarie con le dirette delle celebrazioni dalla Basilica di San Pietro in Roma.  Queste trasmissioni speciali, commentate in diverse lingue sulle varie frequenze, sono destinate soprattutto alle popolazioni di religione cattolica residenti in aree dove avrebbero grandi difficoltà di accedere alla diffusione di queste celebrazioni. Tra le trasmissioni effettuate il 25 dicembre, in occasione della benedizione "Urbi et Orbi" abbiamo registrato quella commentata in lingua araba trasmessa sulla frequenza di 15595 KHz attraverso il sito di Santa Maria di Galeria. Si tratta di una registrazione integrale comprendente l'omelia del Papa e la benedizione.

 
As usual during the Christmas period, the Vatican Radio has included in its short wave programming a series of extraordinary broadcasts with live coverage of the St. Peter's Basilica in Rome. These special programs, commented in different languages on the various frequencies, are mainly intended for Catholic populations living in areas where they would have great difficulty in accessing the spread of these celebrations. Among the programs broadcast on December 25th, on the occasion of the blessing "Urbi et Orbi" we recorded the commentary in Arabic transmitted on the frequency of 15595 KHz through the site of Santa Maria di Galeria. It is a complete recording including the homily of the Pope and the blessing.

2018-12-24

SAQ, CHRISTMAS EVE TRANSMISSION AUDIOCLIPS, PICS AND VIDEO


Questa mattina la SAQ, Grimeton Radio, è tornata nuovamente in aria per la classica trasmissione della vigilia di Natale sulla sorica frequenza dei 17,2 KHz.  Gli appassionati tecnici che prestano il loro servizio presso il sito trasmittente ubicato nei pressi della città di Varberg e dichiarato  dall'UNESCO  patrimonio culturale dell'umanità,  hanno rimesso in funzione l'alternatore di Alexanderson e un operatore/babbo natale ha diffuso gli auguri via radio col sistema di trasmissione CW/Morse. Non trovandomi nel mio QTH abituale ho ascoltato la trasmissione attraverso il sito del ricevitore web dell'Università di Twente in Olanda e le registrazioni effettuate a puro scopo di cronaca e non di DX sono riproposte in questo breve articolo.   



This morning the SAQ, Grimeton Radio, is back on air again for the classic Christmas Eve broadcast on the historical frequency of 17.2 KHz. Technical enthusiasts who provide their service at the transmitter site located near the city of Varberg and declared by UNESCO as a cultural heritage of humanity, have put the Alexanderson alternator back into operation and an operator / Santa Claus sent the wishes via radio with the CW / Morse transmission system. Not finding myself in my habitual QTH I listened to the transmission through the web site of the University of Twente in the Netherlands and the recordings made purely for the purpose of news and not DX are presented in this short article.


Le complesse operazioni di accensione del vecchio impianto trasmittente che  agli inizi del secolo scorso veniva utilizzato per i collegamenti transoceanici tra Svezia e America Settentrionale, sono iniziate con largo anticipo e verso le 7.30 UTC il segnale di chiamata VVV DE SAQ era già in aria.



The complex operations for the activation of the old transmission system that at the beginning of the last century was used for the transoceanic connections between Sweden and North America, began well in advance and at around 7.30 UTC the call signal VVV DE SAQ was already in the air .


30 minuti dopo è stato invece trasmesso il messaggio d'auguri. 
30 minutes later, the greeting message was sent.

SAQ THE IDENTIFICATION 

SAQ THE MESSAGE
   
SAQ THE VIDEO

SAQ CHRISTMAS EVE TRANSMISSION: LIVE VIDEO

2018-05-01

FOTOGALLERY: IL RIPETITORE DI FUMONE A RIDOSSO DEL BORGO MEDIEVALE


Fumone è un piccolo centro, nonchè un sito storico della Provincia di Frosinone e nonostante le sue ridotte dimensioni  ha avuto da sempre una rilevanza strategica per tutti i territori settentrionali della Ciociaria. Dal castello situato sulla sommità di un colle di quasi 800 metri di altezza, visibile da tutti i centri del comprensorio, veniva lanciato l'allarme con alte colonne di fumo quando le bande di predoni sbarcate sul litorale pontino si dirigevano all'interno per le loro scorrerie. Altro episodio storico legato al castello di Fumone è la prigionia e la morte di Papa Celestino V tra il 1295 e il 1296. Non mancano nemmeno oscure storie di fantasmi all'interno di questo castello attorno al quale si è sviluppato il piccolo centro abitato. Proprio per la sua posizione strategica, verso la fine degli annni 50, il colle di Fumone venne scelto come sito per il posizionamento di un ripetitore radio televisivo a copertura del comprensorio. Si tratta di un vero e proprio ecomostro, un orpello inguardabile nel contesto in cui è stato inserito, una presenza ingombrante che svetta sopra gli antichi tetti del borgo deturpandone il panorama. Da circa 30 anni le amministrazioni locali e associazioni di cittadini ne chiedono invano la rimozione. Vi proponiamo comunque una breve galleria fotografica del sito insieme alla considerazione che visitare Fumone vale sempre la pena, come dimostra il gran flusso di visitatori che specie nei fine sttimana affollano i vivoli e i locali del piccolo borgo.



















2018-04-24

RADIO LIBERTA' L'EMITTENTE PARTIGIANA DI BIELLA

   
Lapide posta a ricordo di Radio Libertà

-  Sala Biellese 12 marzo 1945 
“Soffia il vento, urla la bufera. Scarpe rotte eppur bisogna andar… a conquistare la nostra primavera…”. Le note della chitarra di Grifo, al secolo Alfio Re, un operaio filatore di Miagliano, entra nelle case dei biellesi. Ma la sentono anche a Milano, Torino, Aosta e Firenze. “Radio Libertà”, dopo uno  stop durato qualche mese, ha ripreso finalmente con regolarità le sue trasmissioni.
E pensare che tutto era iniziato quasi per caso, forse sulla scorta di Radio Londra. Qualcuno, tra l’estate e l’autunno del 1944 aveva già cercato di installare un’emittente radiofonica sul Monte Cerchio. La cosa, però, non aveva funzionato. Così l’imprenditore Filippo Maria Trossi decise di intervenire. Riuscì a procurarsi un apparecchio trasmittente, smontato da un aereo all’aeroporto militare di Cameri e riesce a farlo arrivare al comando partigiano.
E’ Sandro Berruto (Sam), un farmacista inserito della Seconda Brigata Garibaldi, a prende il materiale e a formare la squadra. A lui spetta il compito di capo redattore e radio tecnico, mentre Luigi Galleis (Gibo), un ferroviere di Biella, e il panettiere di Migliano, Giovanni Passaglia (Gamma), saranno i suoi giornalisti.
Pochi giorni per assemblare l’apparecchio e si va in onda. La base: la casa di Roberto Trabbia, tra Callabiana e Pettinengo. Un posto ideale per mandare in onda la prima trasmissione sperimentale. C’è emozione nella voce di Sandro Berruto quando parla al microfono e annuncia, con orgoglio, che partono le trasmissioni di “Radio Libertà”. E quanto lavoro dietro a quei primi minuti nell’etere.
Dal comando generale arrivano le notizie da trasmettere, che sono vagliate e inserite nelle scaletta. E poi, vanno anche tradotte in inglese. Ci sono diversi soldati alleati, che si sono uniti alla Resistenza. Sulla Serra, ad esempio, anche un paio di paracadutisti australiani. Finiti fuori lancio, a parecchia distanza l’uno dall’altro, sono stati aiutati dalla popolazione, fino a quando non si sono uniti ai partigiani. Non mancavano poi le notizie che questi ultimi facevano filtrare alle famiglie, prima di chiudere con i comunicati militari cifrati, a uso dei comandi di divisione e di brigata.   
La sede di Radio Libertà
 -  Biella, Dicembre 1944
Il tenente Schun, comandante della Polizia tedesca, è salito al primo piano di Villa Schneider. Vuole controllare come vanno i lavori di installazione del nuovo apparecchio radiofonico. A breve, infatti, inizieranno le trasmissioni di “Radio Baita”, un po’ per contrastare l’abbozzo dell’emittente della Resistenza e un po’ per cercare di prendere contatto con gli stessi partigiani.

L’idea è stato di Franco Boggio, un ex fascista, espulso dal partito. Si era presentato al comando qualche settimana prima, proponendo la singolare novità, singolare anche per il tipo di informazione che si voleva far passare. Era stato molto convincente, tanto che l’ufficiale tedesco gli aveva concesso in uso una delle stanze del primo piano. Anche un sacerdote, don Giuseppe Vernetti, a capo dell’ufficio amministrativo della Diocesi di Biella, è entrato tra gli organizzatori.
Il tenente Schun, però, non nasconde le sue perplessità, tanto che tutte le volte che entra nella stanza, chi è presente, smette di lavorare. Gli occhi azzurro ghiaccio mettono a disagio chiunque, soprattutto per chi sa cosa succede nei sotterranei della villa, quando l’ufficiale scende per gli interrogatori. Sarà lui, lo ha stabilito fin da subito, a occuparsi di quanto verrà trasmesso. Non vuole lasciare in mano in programmi a un ex fascista.
La sua idea è quella di rivolgersi tanto alla popolazione,  che alle truppe partigiane, in modo ambiguo, tanto per iniziare a incuriosirli. Dopo, passerà al passo successivo, ovvero di cercare un accordo diretto con la Resistenza. Ha già ricevuto pressioni in tal senso, dalla borghesia cittadina. E’ stanca di avere tra i piedi i repubblichini. Gli americani sono sempre più vicini e gli affari potrebbero risentirne. Il terrore è per i bombardamenti, in grado di distruggere il polo industriale laniero.
Certo, per il tenente Schun la radio è un modo nuovo, per avere contatti con l’esterno, con la popolazione. Abituato ai proclami affissi sui muri, per lui l’etere è sempre stato un mero mezzo per tenere il contatto tra le truppe, passare, ordini, dare indicazioni sugli spostamenti del nemico, nei campi di battaglia. Per coinvolgere le genti, meglio i manifesti affissi in ogni angolo della città. Come quello che vietava di ospitare, dare viveri e notizie ai prigionieri inglesi e australiani. “Per coloro che non si attengono a tale ordine, è comminata la fucilazione immediata e la distruzione della casa”.
Oppure quello che imponeva il coprifuoco dalle 22,30 alle 5 o ancora quello in cui si portava a conoscenza che: “è stato ristabilito il Comando Germanico in Biella. Il Comandante è a disposizione della popolazione tutti i giorni dalle ore 10 alle 11 nell’Alberto Principe – camera 14 -; il medesimo avverte che gli ordini impartiti fino a oggi rimangono immutati”.   

Museo di Villa Schneider a Biella
Sala Biellese 12 marzo 1945
Poi, un guasto meccanico, la rottura di una valvola aveva mandato in cristi la piccola emittente. Avevano appena iniziato le trasmissioni, quando l’apparecchio si era spento. E trovare un pezzo di ricambio, in quel lungo inverno del 1944, era impossibile.

Li avevano visti dal lucernario i soldati repubblichini, arrivare sempre più vicini alla casa, diventata il loro rifugio. Da giorni, tra Callabiana e Pettinengo, sono in corso operazioni di rastrellamento. Si cercano i partigiani e non si fanno prigionieri. Chi è sospettato di aver dato loro aiuto, viene fucilato. L’intera popolazione è in pericolo. E questo non che fa che aumentare il rischio della delazione. La minaccia delle torture, poi, fa il resto.
L’abitazione di Roberto Trabbia, immersa tra il verde delle colline, è un buon posto per nascondersi. E questo non è sfuggito ai repubblichini, che gli sono arrivati a ridosso. Solo per caso sono stati deviati altrove. Occorre spostarsi, ma dove? Intanto, l’apparecchio è stato riparato e il 20 febbraio del 1945 riprendono le trasmissioni. E’ in quei giorni, però, che viene deciso di spostare l’apparecchio a Sala Biellese, dove opera un gruppo ben equipaggiato di garibaldini. Un luogo più protetto, da cui “Radio Libertà” può riprendere a far sentire la sua voce.
Il trasferimento non è semplice. Tecnici e giornalisti smontano l’apparecchio, che viene riposto con ogni cura in alcune bisacce, messe poi sul dorso di un mulo.
E si riparte alla grande, cercando di coprire le trasmissioni di “Radio Baita”, per mascherarla e coprirne il segnale. Intanto il gruppo è aumentato. Adesso l’emittente ha un coro, con tanto di maestro di musica, Hans Streicher, un disertore austriaco.
E’ marzo, quando arriva la notizia drammatica del massacro di Salussola. Un gruppo di partigiani viene sorpreso nel sonno e passato per le armi. Il Comitato di liberazione nazionale utilizza “Radio Libertà” per diffondere la notizia e invitare la popolazione allo sciopero generale, le maestranze a chiudere le fabbriche. L’emittente dà fastidio e parte l’ordine di trovarla e distruggerla. Occorre far tacere quella voce, soprattutto in quel frangente storico.

E così, la notte tra il 19 e il 20 aprile del 1945, il nemico stringe il cerchio. E’ la fine di “Radio Libertà”. L’apparecchio viene distrutto, ma pochi giorni dopo le trasmissioni riprenderanno, come la Fenice risorge dalle sue ceneri.  
Le trasmissioni, infatti, ripresero sei giorni dopo da Villa Schneider. Occupata dai partigiani, l’apparecchio usato, per pochi mesi, da Radio Baita, venne utilizzato per tornare a trasmettere le notizie, e andarono avanti fino al 16 maggio 1945. La storia di “Radio Libertà” è presa dal libro “Una scrittura morale antologia di giornali della Resistenza” di Francesco Omodeo Zonini, e pubblicato dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli “Cino Moscatelli”. 



Come tutti gli anni, in corrispondenza del 25 Aprile, cerchiamo di trovare qualche storia partigiana che abbia a che fare con la radio. Quest'anno ci siamo imbattuti nella storia di "Radio Libertà" piccola radio partigiana che operò nel biellese tra il 1944 e la fine della guerra nell'aprile dell'anno successivo.. In rete abbiamo trovato due interessanti documenti, uno scritto “Una scrittura morale antologia di giornali della Resistenza” di Francesco Omodeo Zonini, e pubblicato dall’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli “Cino Moscatelli” e un file audio delle teche RAI con alcune interviste fatte ne 1964 ad alcuni dei protagonisti della vicenda. I documentim in originale sono consultabili utilizzando i seguenti collegamenti:

CREDITS:
http://www.newsbiella.it/leggi-notizia/argomenti/biellese-in-noir/articolo/storie-partigiane-radio-liberta.html

http://www.raiplayradio.it/programmi/lagranderadio/


2018-03-31

AUDIOCLIP. VATICAN RADIO: THE SPECIAL TRANSMISSION OF THE "VIA CRUCIS" 9710 KHz


A conclusione del Venerdì Santo la Radio Vaticana ha trasmesso anche in onde corte il rito della "Via Crucis" che si celebra annualmente nell'area archeologica del Colosseo. Tre le frequenze utilizzate: 7360 KHz per la lingua inglese, 9670 KHz per la lingua francese e 9710 KHz  per la lingua portoghese. La clip audio che vi proponiamo è tratta dalla trasmissione in lingua portoghese diretta verso l'Africa meridionale, ma nella presentazione della trasmissione vengono citate anche numerose emittenti radiofoniche di lingua portoghese che in Brasile e Portogallo si sono collegate con l'emittente vaticana trasmettendo anche esse in diretta la celebrazione.





At the end of Holy Friday the Vatican Radio broadcast also in short waves the rite of the "Via Crucis" that is celebrated annually in the archaeological area of the Colosseum. Three frequencies used: 7360 KHz for the English language, 9670 KHz for the French language and 9710 KHz for the Portuguese language. The audio clip that we propose is taken from the transmission in Portuguese language directed to southern Africa, but in the presentation of the transmission are also cited numerous radio stations of Portuguese language that in Brazil and Portugal have connected with the Vatican broadcaster also transmitting them live the celebration.

2018-03-30

HAARP: SPRING RESEARCH CAMPAIGN SCHEDULED FOR 6-14 APRIL 2018


Our spring research campaign is scheduled for April 6-14, 2018. Researchers will explore the physics of scintillations, magnetic field-aligned irregularities, artificial & natural atmospheric airglow, stimulated electromagnetic emissions, plasma waves & radio-enhanced ionization. #NanookNation
While modes and frequencies are not determined until shortly before the experiment, real-time updates will be provided as best we can on Twitter @uafhaarp and @ctfallen.

2018-03-29

EASTER 2018: SPECIAL TRANSMISSIONS SCHEDULE FROM VATICAN RADIO



Friday 30 March
1900-2030 7360smg English WAf 9670smg French WAf 9710smg Portuguese SAf


Saturday 31 March
1830-2115 7360smg English WAf 7425smg Chinese EAs 9670smg French WAf 9710smg Portuguese SAf


Sunday 1 April
0755 - 1020 11925pht Vietnamese SEA 15570smg English WAf 11580smg French WAf 15595smg Arabic ME,NAf 17790smg Portuguese SAf


Listening reports esp. from the target areas are welcomed by Eng. Sergio Salvatori at sergio.salvatori@spc.va

2018-03-25

AUDIOCLIP, RADIO KUWAIT 1134 KHz


Il buon segnale in onda media di Radio Kuwait sulla frequenza di 1134 KHz.

2018-03-17

DOPO 2 MESI FUORI STANDARD LA RETE ELETTRICA EUROPEA RITORNA AI 50 Hz

La sala di controllo di Swissgrid


Per quasi due mesi la frequenza standard della rete elettrica europea di 50 Hz è stata al di sotto di questo valore a causa di una serie di anomalie verificatesi tra le reti di Serbia e Kossovo. Il problema attualmente è in via di risoluzione e questa è la ricostruzione della vicenda da parte della società svizzera Swissgrid che tiene sotto costante monitoraggio l'intera rete elettrica continentale.
 
La rete dell'Europa continentale registra da metà gennaio un costante scostamento del valore medio della frequenza di rete da 50 Hertz.
L’origine delle variazioni di frequenza è nelle zone di controllo di Serbia, Macedonia e Montenegro (dette anche zona di regolazione SMM), in particolare in Kosovo e Serbia. In questa zona viene immessa in rete una quantità di energia insufficiente.
Queste oscillazioni della frequenza comunque minimi non hanno alcun effetto rilevante sulla sicurezza dell'approvvigionamento. Tuttavia bisogna correggere al più presto questa variazione di frequenza.
A causa della costante variazione di frequenza nella rete di trasmissione europea si è avuto fino ad oggi uno scarto temporale della rete di ben 6 minuti. Questo scostamento (diminuzione della frequenza al di sotto di 50 Hz) ha un effetto su tutti gli orologi a comando elettronico che utilizzano la frequenza della rete elettrica come temporizzatore, come ad es. le radiosveglie. (Contrariamente agli orologi al quarzo che hanno un oscillatore al quarzo che funge da correttore).
Questo scarto viene tenuto costantemente sotto osservazione da parte dei gestori della rete di distribuzione e viene regolarmente documentato da Swissgrid.
L'Associazione dei gestori di reti di trasmissione europei (ENTSO-E) sta elaborando varie opzioni per trovare delle soluzioni (misure compensatorie) per gli scostamenti con i gestori di reti di trasmissione interessati. Per un riequilibrio dello scarto temporale, dall’entrata in vigore di un accordo bisognerà immettere energia supplementare nella rete per diverse settimane. Sul sito di Swissgrid si può visualizzare l‘attuale stato delle variazioni.


Le variazioni di potenza che influenzano la frequenza media nel sistema elettrico dell’Europa continentale sono cessate. L’ENTSO-E lavora alla seconda fase.


08.03.2018

L'Associazione dei gestori di reti di trasmissione europei (ENTSO-E) ha infatti confermato congiuntamente con i gestori di rete di trasmissione di Serbia e Kosovo (EMS e KOSTT), che le variazioni di potenza che influivano sulla frequenza media in Europa sono ora cessate.
Si tratta di un primo passo verso la risoluzione del problema. Il secondo passo sarà un piano per individuare la modalità con cui immettere nel sistema l'energia mancante e ripristinare la situazione alla normalità.
L’ENTSO-E è in contatto con la Commissione Europea  affinché si trovi una soluzione sostenibile a lungo termine e a evitare il ripetersi di questa situazione.

Deviations affecting frequency in Continental Europe have ceased; ENTSO-E working on step 2

08.03.2018

ENTSO-E has now confirmed with the Serbian and Kosovar TSOs, respectively EMS and KOSTT, that the deviations which affected the average frequency in the synchronous area of Continental Europe have ceased.
This is a first step in the resolution of the issue. The second step is now to develop a plan for returning the missing energy to the system and putting the situation back to normal.
ENTSO-E, in close interaction with the European Commission, is trying to identify a sustainable long term solution that will avoid that this happens again.



Frequency deviation in continental European grid leads to grid time deviations

06.03.2018

Since mid-January, the continental European grid has experienced a continuous deviation from the mean value of the 50 Hz grid frequency.
The deviations originate in the control zone of Serbia, Macedonia, Montenegro (a.k.a. the SMM control block), especially in Kosovo and Serbia. Too little energy is being fed into the grid in this block.
These slight frequency deviations have no significant effect on the security of supply. Nonetheless, the frequency deviation must be corrected as quickly as possible.
Up to the beginning of March, the continuous frequency deviation in the European grid resulted in a grid time deviation of about six minutes. This deviation (frequency reduction below 50 Hz) has an effect on all electronically controlled clocks (e.g. radio alarm clocks and oven timers), which, in contrast to quartz clocks, use the frequency in the electricity grid as a clock generator.
The operators of the continental European grid will continue to monitor this deviation and Swissgrid will document it regularly.
The European Network of Transmission System Operators for Electricity (ENTSO-E) is now working with the affected grid operators to develop solutions. To compensate for the grid time, it will be necessary to feed additional energy into the grid over the course of several weeks once an agreed solution is implemented. The current status of the deviation can be viewed on the Swissgrid website.


QUESTO IL SITO DI SWISSGRID: https://www.swissgrid.ch/swissgrid/it/home.html